Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

La Regione Puglia parteciperà per la prima volta alla conferenza internazionale sulla mobilità ciclistica "Velo-City" che si terrà a Nantes in  Francia dal 2 al 5 giugno prossimi, per illustrare il road-book della ciclovia adriatica in Puglia, tratto regionale dell'itinerario ciclabile nazionale n. 6 della rete Bicitalia, e distribuirne un migliaio di copie ai partecipanti provenienti da tutto il mondo.

 

La domanda di partecipazione della Regione Puglia è stata selezionata tra 750 richieste pervenute agli organizzatori. L'iniziativa rientra nell'ambito del progetto di cooperazione Grecia-Italia 2007-2013 "CiELo" (City-port Eco Logistics), cui aderiscono oltre alla stessa Regione i Comuni di Brindisi, Patrasso, Corfù e Bari, quest'ultimo nella veste di Lead Partner.

Scopo del progetto è dare attuazione a specifiche azioni finalizzate a promuovere l'uso della bicicletta come mezzo di locomozione nelle città portuali di Bari, Brindisi, Corfù e Patrasso, attraverso la realizzazione di infrastrutture e servizi per la mobilità urbana e turistica in bicicletta.

Il road-book in italiano ed inglese, prodotto dall'Assessorato alla Mobilità della Regione Puglia nell'ambito di CiELo, e già richiesto da cicloturisti d'oltreoceano, descrive il miglior percorso stradale esistente per pedalare, in direzione nord-sud, dal confine con il Molise a Santa Maria di Leuca. Attraversando le città portuali di Bari e Brindisi la ciclovia adriatica mette in relazione la Puglia con le città greche di Corfù e Patrasso e con gli  altri porti adriatici e, attraverso gli aeroporti, con gli altri scali internazionali.

Di contro, tramite i rispettivi porti ed aeroporti, Bari e Brindisi diventano rispettivamente porte di accesso alla Ciclovia dei Borboni "Bari-Napoli" - itinerario n. 10 della rete nazionale Bicitalia, alla Ciclovia Romea-Frangicena "Brindisi-Londra" - itinerario n. 5 della rete transeuropea EuroVelo e, attraverso il trasporto integrato bici + treno, alla Ciclovia dell'Acquedotto, tratto pugliese del percorso n. 11 della citata rete Bicitalia, recentemente aperto al transito ciclistico tra Locorotondo e Ceglie Messapica.

La partecipazione della Regione Puglia alla Conferenza internazionale Velo-City è stata preventivamente autorizzata dall'Autorità di Gestione del Programma Grecia-Italia, in quanto ritenuta funzionale al progetto CiELo e alla diffusione della mobilità sostenibile tra Puglia e Grecia.

La conferenza internazionale sulla mobilità ciclistica Velo-City, organizzata a partire dal 1980 dall'European Cyclists' Federation in Europa, Stati Uniti, Canada e Australia è considerato l'evento convegnistico più prestigioso al mondo. Partecipano i massimi addetti ai lavori provenienti dai cinque continenti. Per la Regione Puglia è motivo di orgoglio  essere presente per la prima volta, per far conoscere le iniziative regionali di mobilità ciclistica, con particolare riferimento agli itinerari ciclabili di Bicitalia ed Eurovelo.

A partire dal progetto CYRONMED tali itinerari sono diventati assi portanti della costituenda rete ciclabile regionale prevista dalla L.R. n. 1/2013 e, adesso, sono entrati con pari dignità alle altre infrastrutture per la mobilità all'interno del Piano attuativo 2015-2019 del Piano regionale dei Trasporti che, per la prima volta, ha previsto un capitolo specifico sulla mobilità ciclistica. Individuati anche gli elementi puntuali di criticità della ciclovia adriatica pugliese da eliminare, per dare continuità e sicurezza, assegnando le relative risorse finanziarie.