Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Si è svolto il 24 settembre all’ex-Macello di Putignano il workshop dal titolo “25 anni di Cooperazione del Programma Grecia - Italia, 1990-2015”, iniziativa inserita nel ricco programma di appuntamenti che celebrano la Giornata Europea della Cooperazione dal titolo “Supporting social, cultural and environmental values unites us” (“Promuovere i valori culturali, ambientali e sociali ci unisce”).

Al workshop ha preso parte, Gianni Liviano, Assessore all'Industria Turistica e Culturale della Regione Puglia, il quale ha sottolineato che “La cooperazione è un’esperienza di ricchezza e di condivisione delle diversità, significa mettersi a disposizione delle altre culture. La celebrazione della Giornata Europea della Cooperazione racconta un Mediterraneo che profuma di pace, di accoglienza, che costruisce ponti nel rispetto delle Culture e della dignità di ogni persona. Questa iniziativa racconta una storia diversa da quella che stiamo vivendo in questa fase storica che parla di muri, di non accoglienza e di non rispetto delle culture altrui e ci invita a riflettere sui valori del confronto sociale e culturale”. A raccontare gli esordi della cooperazione e l’evoluzione delle azioni di collaborazione tra la Grecia e la Puglia è intervenuto Luigi Tenore, Dirigente Ufficio Cooperazione con i Paesi in Via di Sviluppo della Regione Puglia negli anni 1994-2005.

Luigi Tenore ha spiegato che la cooperazione tra i due paesi è stata avviata per la prima volta con la programmazione 1994-1999 nell’ambito dell’Iniziativa comunitaria INTERREG II; e poi proseguita nel periodo 2000-2006, con il Programma INTERREG IIIA, e successivamente con il Programma di Cooperazione Territoriale europea 2007-2013. Numerosi sono stati gli interventi finanziati in questi anni nei diversi settori economici, a cominciare dal trasporto marittimo tra le due sponde che ha visto il miglioramento delle infrastrutture dei porti e dei mezzi di osservazione e controllo, con l'obiettivo di ridurre il fenomeno del contrabbando e del l'immigrazione clandestina. Una serie di importanti interventi hanno riguardato, invece,  la tutela e la valorizzazione ambientale, storica e culturale delle due regioni con un approccio ecologicamente sostenibile attraverso il finanziamento di progetti di ricerca per il controllo della qualità dell'ambiente. Altri interventi hanno riguardato la tutela del patrimonio storico e dei siti archeologici attraverso il restauro, la valorizzazione e promozione di monumenti bizantini nelle aree dell’Epiro e della Puglia. É stata promossa la cooperazione per il sostegno dei prodotti tipici locali, è stata rafforzata per le imprese delle due aree una rete per lo scambio di informazioni e la promozione di pacchetti e servizi turistici integrati.
 
Parte preponderante del workshop è stata dedicata alla presentazione dei cinque progetti strategici, (FOODING, I.C.E.,ARGES, Gift 2.0 e BIG) che hanno impegnato 20 milioni di risorse sui temi del sistema dei trasporti, dell’ambiente della cultura  e dell’innovazione.
 
“L’attenzione ai progetti strategici - ha commentato Bernardo Notarangelo Dirigente Servizio Mediterraneo della Regione Puglia – è quella che sarà seguita nella futura programmazione anche nei confronti della Strategia Macroregione Adriatico Ionica, che vede la Puglia responsabile per le regioni italiane del pilastro turismo”
 
“L’approvazione dei progetti strategici nel Programma Grecia-Italia – ha continuato Notarangelo-  ha segnato l’avvio di una nuova stagione della cooperazione: non più piccoli progetti frammentati, chiusi nei confini locali, ma progetti di grande respiro che coinvolgono l’intero territorio rafforzandone la competitività e la coesione attraverso un approccio di sviluppo sostenibile”.
 
Ha concluso il workshop, Claudio Polignano del Servizio Mediterraneo della Regione Puglia, con la presentazione delle Linee Guida alla Nuova Programmazione 2014-2020, illustrando le priorità su cui il Programma Grecia-Italia investirà i 123 milioni di euro nei prossimi anni e la significativa novità che coinvolge il Servizio Mediterraneo nel localizzare il Segretariato Tecnico del Programma a Bari.
 
Al termine del convegno, il cortile dell’ex –macello di Putignano si è trasformato in una vera e propria Agorà della cooperazione con un ensemble di animazioni tutte ispirate al tema della cooperazione transfontaliera: live painting di artisti pugliesi che, alternandosi da una tela all’altra, hanno realizzato dal vivo un’opera d’arte, l’orto botanico che accoglie varie piante e profumi provenienti dai vari paesi del Mediterraneo, output del laboratorio di ecodesign organizzato dal Consorzio I Make, e la degustazione di prodotti della tradizione pugliese e greca preparati dal collettivo di chef del Food Sud System, selezionati nell’ambito del progetto FOODING.
 
Prossimo appuntamento il 25 settembre a Tricase Porto, presso "Mare”, l’avamposto mediterraneo di ricerca ed osservazione della biodiversità marina e costiera con il workshop “25 anni di Cooperazione del Programma Grecia - Italia, 1990-2015” durante il quale si porrà particolare attenzione all’importanza della cooperazione tra i paesi per salvaguardare l’ambiente e la biodiversità degli ecosistemi costieri e marini.
 
La Giornata Europea della Cooperazione – coordinata dal Programma INTERACT con il supporto della Commissione europea, del Parlamento europeo e del Comitato delle Regioni –  è celebrata ogni anno nel mese di settembre. L’edizione 2015 prevede il coinvolgimento di oltre 70 Programmi di Cooperazione Territoriale, con più di 280 eventi organizzati  in 40 paesi diversi (www.ecday.eu).