Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

“I risultati del Programma di Cooperazione Territoriale Europea Grecia – Italia 2007/2013 e il contributo dei Programmi CTE 2014/2020 all’attuazione della Strategia Macroregionale Adriatico-Ionica: quali opportunità per la Puglia?”: questo il titolo della Conferenza organizzata a Bari, mercoledì 16 dicembre 2015 presso Villa Romanazzi Carducci, dalla Sezione Mediterraneo della Regione Puglia nella cornice degli Open Days 2015.

I lavori saranno aperti dal Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano e da Ivana Sacco del Dipartimento per le Politiche di Coesione – Presidenza del Consiglio dei Ministri. Seguirà l’analisi dell’impatto sui territori coinvolti nella cooperazione bilaterale tra la Puglia e le regioni costiere della Grecia durante la programmazione 2007/2013. In agenda, in particolare, l’intervento di Alessandro Napoli - Coordinatore del Segretariato Tecnico Congiunto - e la presentazione del video istituzionale e della pubblicazione dedicata ai risultati del Programma CTE “Grecia-Italia” appena concluso.

La conferenza, moderata da Bernardo Notarangelo, Dirigente della Sezione Mediterraneo della Regione Puglia, si concentrerà poi sulla Programmazione Comunitaria 2014/2020 nel contesto della Cooperazione Territoriale Europea. L’attenzione sarà rivolta, infatti, ad una serie di Programmi che coinvolgono la Puglia nell’area adriatica e che prevedono oltre 500 milioni di euro disponibili per partenariati internazionali. Katia Sagona del Ministero greco dell’Economia, Sviluppo e Turismo - Struttura Autorità di Gestione – presenterà il nuovo Interreg “Grecia – Italia”; sull’Interreg transnazionale “Adriatico-Ionio” (ADRION) relazionerà Lodovico Gherardi - Regione Emilia Romagna - Struttura Autorità di Gestione. Ed ancora, interverranno Claudio Polignano, Regione Puglia - Struttura Autorità di Gestione del Programma Interreg IPA II “Italia-Albania-Montenegro” e Silvia Majer della Regione Veneto, in qualità di Autorità di Gestione del Programma Interreg “Italia Croazia”.                     

Si tratta di Programmi di Cooperazione Territoriale che possono contribuire a raggiungere gli obiettivi ed i risultati concreti previsti dalla Strategia per la Macroregione Adriatico-Ionica per la quale sarà riservato un panel di approfondimento specifico, con due illustri ospiti: Nicola Brignani, co-autore dello studio commissionato dal Parlamento Europeo “Il nuovo ruolo delle Macroregioni nella Cooperazione Territoriale Europea” e Marina Maurizi, della Regione Marche, Responsabile coordinamento delle Regioni italiane nella Macroregione Adriatico-Ionica. Ad oggi l’EU Strategy for the Adriatic and Ionian Region – EUSAIR rappresenta lo strumento più efficace per affrontare le sfide della competitività nella blue economy, delle connessioni tra le due sponde del mare, della protezione ambientale e del turismo sostenibile dell’area adriatica.

Le conclusioni della conferenza saranno affidate a Domenico Laforgia, Direttore del Dipartimento Sviluppo Economico, Innovazione, Istruzione, Formazione e Lavoro della Regione Puglia.