Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

"Sustainable and Smart Mobility" è il tema del workshop svoltosi al Palazzo Grandi Stazioni di Venezia per iniziativa della Direzione Programmazione della Regione del Veneto, nel quadro delle attività del Progetto Pimms Capital, finanziato con fondi comunitari Fesr nell'ambito del Programma Interreg IV C.


Il Progetto, avviato nella seconda parte del 2010 – spiega una nota della Regione  Veneto - si propone di promuovere il passaggio a forme più sostenibili di trasporto attraverso una maggiore implementazione di tecniche di gestione della mobilità di alta qualità, con la realizzazione di politiche coerenti a livello regionale tramite il trasferimento di buone pratiche individuate dai vari partner. Al progetto, il cui importo complessivo di circa 1,8 milioni di euro, partecipano 12 Regioni europee (16 partner tra i quali, per il Veneto, la Regione e la Provincia di Treviso).

I lavori sono stati aperti dall'intervento di Rafael Cuesta, rappresentante dell'Autorità di Trasporto Integrato delle West Midlands, in cui si trova la città di Birmingham, visitata da una delegazione regionale nel marzo 2011. Proprio la strategia di integrazione adottata dalla città britannica ha costituito il fulcro dell'incontro veneziano, cui sono intervenute anche le strutture regionali mobilità, infrastrutture, logistica e tutela ambientale. Ora sarà compito della Regione del Veneto e della Provincia di Treviso procedere all'implementazione delle buone pratiche individuate, stilando un Piano d'Azione regionale con il contributo di tutti i soggetti coinvolti.

Approfondimenti: Programma Interreg IV C.