Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

È il secondo dei quattro incontri tecnici programmati nell’ambito del Progetto Biolmed, quello che si svolge venerdì 5 novembre 2010 a Brindisi (Ufficio Provinciale dell’Agricoltura – ore 17.00), rivolto agli attori della filiera olivicola. Migliorare la competitività della coltivazione biologica dell’ulivo è infatti l’obiettivo generale di questo progetto, che fa parte del più ampio Programma di cooperazione territoriale transnazionale europea MED.


Punto d’arrivo sarà la creazione di un network transnazionale permanente dei circoli di qualità BIOL a sostegno delle imprese agricole e a favore della qualità delle filiere produttive. Incontri come quello di venerdì a Brindisi si inquadrano come momenti di informazione, formazione e scambio di buone pratiche, utili a realizzare quel sistema di gestione integrato delle imprese che è tra le finalità del progetto.

Introducono i lavori a Brindisi: Dario Stefàno, Assessore alle Risorse agroalimentari, Bernardo Notarangelo, Dirigente del Servizio Mediterraneo della Regione Puglia, Francesco Coluccia, Dirigente dell’Ufficio provinciale dell’Agricoltura di Brindisi, Teodoro Miano, docente presso la Facoltà di Agraria di Bari e coordinatore del progetto e Umberto Medicamento – ICEA – Premio BIOL.

Seguiranno gli interventi degli esperti sulle questioni legate alla produzione biologica in olivicoltura, a partire dalla concimazione e difesa, alla trasformazione olivicola, fino all’etichettatura, caratterizzazione e valorizzazione degli oli, in particolare in riferimento al Programma BIOL.

Per informazioni sul Progetto Biolmed consultare la scheda a cura della Redazione Europuglia e il sito di riferimento Biolmed.

In allegato: icon Programma_incontro_Brindisi.