Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Fa tappa in Spagna il Progetto Biolmed per prendere parte attiva alla Fiera BioCòrdoba, organizzata per il 19 e 20 novembre 2010 da uno dei partner di progetto spagnoli, la SEAE - Società spagnola di agricoltura biologica, in collaborazione con la Fiera BioCordòba e con l’Associazione di Imprese di Produzione e Trasformazione Biologica di Andalusia – EPEA.


Orientato al miglioramento della competitività della coltivazione biologica dell’olivo nei quattro paesi partner del Mediterraneo, Italia, Spagna, Grecia e Malta, il Progetto Biolmed si inserisce nell’ambito del Programma di cooperazione territoriale transnazionale  europea MED ed è coordinato dall’Istituto Agronomico Mediterraneo di Bari – IAMB, capofila, affiancato da altri tre partner italiani: l’Assessorato al Mediterraneo della Regione Puglia, il Consorzio Italiano per il Biologico-CiBi e l’Istituto di Certificazione Etica e Ambientale – ICEA.

Tra le priorità del Progetto c’è il miglioramento della qualità dell’intera filiera produttiva che passa anche attraverso l’organizzazione di mostre e fiere, intese come momenti di promozione dell’olio biologico di qualità e della sua commercializzazione. Il contesto in cui si svolge questa fiera è quello dell’Andalusia, dove da nove anni vengono assegnati i premi Ecotrama ai migliori oli extra vergine di oliva biologici.

Un programma parallelo a quello della Fiera coinvolgerà esperti di degustazione, tecnici, produttori e consumatori di olio d’oliva biologico in una serie di attività. In particolare è previsto il primo incontro a livello statale volto a stabilire criteri comuni per la premiazione degli oli d’oliva biologici nell’area del Mediterraneo. Armonizzare i criteri base di valutazione dei Premi BIOL ed Ecotrama è infatti uno degli obiettivi da raggiungere.

Tra le altre finalità della fiera: individuare gli aspetti chiave in fase di produzione, commercio etico e canale corto di commercializzazione; informare produttori e consumatori sulle qualità chimiche ed organolettiche dell’olio di oliva biologico anche in relazione alle pratiche agronomiche; favorire lo scambio di esperienze tra gli olivicoltori (sia nell’ambito agronomico che della trasformazione e della commercializzazione) per migliorare le pratiche biologiche.

La Puglia partecipa all’evento con una delegazione di cui fanno parte, tra gli altri: Teodoro Miano, coordinatore scientifico del Progetto e docente di chimica del suolo presso la Facoltà di Agraria dell’Università di Bari; Fausto Savoia, referente di progetto per l’Assessorato al Mediterraneo della Regione Puglia; Gaetano Paparella, presidente ICEA; Anna Neglia, Giuria Premio BIOL.

I dettagli sull'iniziativa sul sito della SEAE. Per informazioni sul Progetto Biolmed consultare la scheda a cura della Redazione Europuglia e il sito di riferimento Biolmed.

 

 

Redazione Europuglia