Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Si terrà a Bologna mercoledì 26 ottobre, presso il Museo di Arte Moderna di Bologna (Via don Minzoni, 14), il seminario "L'area mediterranea e la strategia Europa 2020. Proposte e risorse per il futuro della cooperazione territoriale". L’iniziativa rientra nelle attività del progetto “OTREMED: Tool for the Territorial Strategy of the Med Space”, finanziato dal Programma di cooperazione transnazionale MED.



Dopo i saluti di Alfredo Peri – Assessore Programmazione territoriale, Urbanistica, Reti di infrastrutture materiali e immateriali, Mobilità, Logistica e Trasporti della Regione Emilia-Romagna, focus su obiettivi e azioni del progetto Otremed con Antonio Angel Clemente García – Regione di Murcia, Spagna - Lead Partner. A seguire, sul futuro della cooperazione territoriale europea interverrà Ivana Sacco – Ministero dello Sviluppo Economico - Dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica, ed Ivan Curzolo – Segretariato Tecnico Congiunto SEE - Capo dell’Unità Project development and management, che affronterà in particolare il tema dell’esperienza della Cooperazione Territoriale nell’area danubiana.

In agenda, poi, le strategie per l’Area Med, una tavola rotonda con Lodovico Gherardi – rappresentante Regione Emilia-Romagna nello Steering Committee del Progetto OTREMED ed un dibattito sul futuro dello spazio Med moderato da Roberto Camagni – economista urbano del Politecnico di Milano. Conclude Enrico Cocchi – Direttore Generale alla Programmazione Territoriale e Negoziata, Intese - Relazioni Europee e Relazioni Internazionali della Regione Emilia-Romagna.

L'obiettivo di OTREMED è quello di sviluppare uno strumento di pianificazione territoriale strategica volto a migliorare la competitività dello spazio Mediterraneo concentrandosi su aspetti quali il coordinamento nell'uso del suolo tra regioni confinanti, la gestione della concentrazione di popolazione sulle coste, la valorizzazione del paesaggio, l'adattamento sia ai cambiamenti climatici che ai flussi migratori provenienti dalle aree Sud del Mediterraneo, lo sviluppo e la strutturazione del turismo.

Approfondimenti: agenda dei lavori e Programma Med.