Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Il Programma di cooperazione transnazionale MED ha aperto dal 7 ottobre una consultazione on-line sui temi di interesse della Programmazione UE 2014-2020.  Sul sito dedicato, sino al 22 novembre 2013,  è possibile esprimere la propria opinione attraverso la compilazione di un questionario online in lingua inglese o francese.

La consultazione rappresenta una concreta opportunità, fornita a tutti gli stakeholder dell’area del Mediterraneo, per influire ed orientare la scelta fra i temi già individuati dagli Stati membri in sede di Task Force per l’elaborazione del Programma MED 2014-2020.

Essi sono: 1) Rafforzamento della ricerca, sviluppo tecnologico ed innovazione; 2) Efficienza energetica ed energie rinnovabili; 3) Strategie a basso impatto ambientale; 4) Cambiamenti climatici e gestione dei rischi; 5) Patrimonio naturale e culturale: 6) Protezione della biodiversità, del suolo e degli ecosistemi; 7) Trasporti sostenibili; 8) Governance

Obiettivo della consultazione è, appunto, definire la strategia del Programma in termini di obiettivi, azioni di sostegno e indicatori di performance attraverso il contributo dei soggetti interessati.

I risultati saranno comunicati nel gennaio 2014 sul sito ufficiale di Programma.

Il nuovo Programma MED 2014-2020, con l’ingresso della Croazia nell’UE, includerà 10 Stati membri (Italia-Francia-Spagna-Portogallo-Malta-Gibilterra-Grecia-Cipro-Slovenia-Croazia) e 3 Stati non membri (Albania, Bosnia-Erzegovina, Montenegro) e sarà finanziato sia da fondi FESR che da fondi IPA.

Per maggiori informazioni consulta il sito di Programma