Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

C’è anche la Regione Puglia nella rosa delle otto regioni scelte per dare un contributo per l’elaborazione di un modello di analisi da applicare alle performance di progetto nell’ambito della Cooperazione Territoriale Europea (CTE). L’analisi partecipata, elaborata da ERVET, si è basata sul concetto che non tutte le buone performance di progetto implicano buone ricadute dei risultati a livello locale e viceversa: gli effetti dei progetti vanno dunque indagati attraverso il coinvolgimento diretto dei soggetti beneficiari.

Insieme alla Puglia hanno partecipato alla sperimentazione: Emilia Romagna, Lazio, Umbria, Sardegna, Veneto, Calabria e Marche.

Il Rapporto finale presenta i risultati dell’indagine svolta su 36 progetti MED, aventi partner appartenenti ai territori regionali coinvolti; tra questi si distinguono interventi di supporto e integrazione alla programmazione regionale/locale e che attestano il ruolo di coesione del avuto dal Programma MED sia nella politica regionale che nello sviluppo di una strategia per il Mediterraneo.

Il confronto tra le Regioni ha portato all’elaborazione di un più completo sistema di indicatori di output in vista del nuovo Programma MED2014+ e alla definizione di una proposta di governante della CTE, tesa a rafforzare il ruolo delle Regioni nelle attività di verifica e di valutazione dei risultati raggiunti.

Per approfondimenti sulla ricerca e per scaricare il Rapporto consulta il sito ERVET