Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

La Regione Puglia conferma l’attenzione e la disponibilità a sostenere e mantenere vivo l’interesse in materia di adozioni e tutela dei minori in Albania. A Oria (Brindisi) il secondo corso di formazione per gli Assistenti sociali albanesi ”Tutela dei Minori e Gestione delle Pratiche di Adozione ed Affido”. L’iniziativa si inserisce nel Programma di Cooperazione Decentrata “SMILE – Support of Minors in Albania by International Legislation” cofinanziato dal Ministero degli Affari Esteri Italiano e dalle Regioni Emilia Romagna, Marche e Puglia.


Seconda tappa di un programma formativo già avviato nei  Comuni di Bari, Fasano e Ostuni, le giornate di lavoro a Oria, presso il Centro Educativo Rogazionisti, sono rivolte a funzionari albanesi del Comitato Nazionale delle Adozioni e del Servizio Sociale Statale. L’obiettivo è quello di supportare le istituzioni albanesi nella gestione dei casi di affidamento e di adozione dei minori, anche in relazione alla legislazione vigente.

A partire dal confronto tra le legislazioni italiana e albanese vigenti in materia, passando per l’analisi delle varie forme di adozione/affido e delle differenti metodologie di gestione delle pratiche, in questi giorni i relatori si stanno concentrando sulla gestione dei rapporti fra le strutture di accoglienza dei minori ed i servizi sociali. Nella giornata di giovedì 24 febbraio, lo psicologo Cesare Martella incontrerà le famiglie affidatarie per approfondire il tema dei rapporti fra la famiglia di origine e quella affidataria e riflettere sulla gestione delle difficoltà di ordine psicologico del minore e delle famiglie. L’attività formativa si sviluppa in cinque giornate, con il coordinamento di Isabella Tisci, dell’Assessorato al Mediterraneo della Regione Puglia e l’esperienza dei docenti Reana Ducret, assistente sociale e Cesare Martella, psicologo. Previsti anche incontri con il presidente del Tribunale dei Minorenni di Lecce, educatori della Comunità Cedro e famiglie affidatarie.

Per approfondimenti sul Programma di Cooperazione Decentrata SMILE, consultare la scheda di approfondimento a cura della Redazione Europuglia e il sito ufficiale MinoriAlbania.com.

 

 

Fonte: Ufficio Stampa Escogita s.r.l.