Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Le possibilità offerte dal POI Energia, Programma Operativo Interregionale Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico 2007-2013, a sostegno di interventi di efficientamento e risparmio energetico e produzione di energia da fonti rinnovabili, sono state al centro del seminario “Il POI Energia per la sostenibilità energetica e lo sviluppo delle Regioni Convergenza', organizzato nell'ambito di Mediterre, Cantiere euro-mediterraneo della sostenibilità.


Secondo gli ultimi dati forniti dall’Autorità di Gestione, il Programma Operativo vanta un avanzamento finanziario di Euro 385.598.147,28, superando il target di spesa previsto al 31 dicembre 2011. Ad annunciarlo Giuseppe Guerrini, nuova Autorità di Gestione del POI Energia - Presidenza del Consiglio dei Ministri - Struttura di missione P.O.R.E. (Progetto Opportunità delle Regioni in Europa). È stata ufficializzata, infatti, dal 3 gennaio 2012, la modifica della governance del Programma, che ha visto il trasferimento dell’Autorità di gestione e dell’Autorità di certificazione dalla Regione Puglia alla Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per gli Affari Regionali – Progetto Opportunità delle Regioni in Europa, secondo le decisioni assunte dal Comitato di Sorveglianza nella seduta del 27 maggio 2011.

Altra importante novità del Programma - illustrata da Romeo Petti, Ministero dello Sviluppo Economico - Direzione generale per l’incentivazione delle attività imprenditoriali - è rappresentata dal Bando Filiere delle Biomasse, pubblicato a gennaio 2012. Un bando da 100 milioni di euro finalizzato a sostenere l’attivazione e lo sviluppo di filiere delle biomasse industriali ed a finanziare la creazione di filiere che comprendano le attività di raccolta, stoccaggio, lavorazione e trasporto di energia sia termica che elettrica. Il bando è rivolto a società, consorzi e società consortili; sono ammessi alle agevolazioni progetti con importo complessivo delle spese ammissibili compreso tra 2 e 25 milioni di euro e riguardanti unità produttive ubicate nelle Regioni “Convergenza”, Campania, Calabria, Puglia, Sicilia; le domande vanno presentate dal 19 marzo al 17 aprile 2012.

Nel corso dell’Infoday Giovanni Brunelli, Ministero dell’ambiente - Direzione generale per lo sviluppo sostenibile, il clima e l’energia e Luciana Taddei, Ministero dello Sviluppo Economico – Direzione generale per l’energia nucleare, le energie rinnovabili e l’efficienza energetica, hanno presentato le linee di attività a titolarità dei due Organismi Intermedi e i risultati conseguiti sinora attraverso l’emanazione di bandi e la stipula di protocolli di intesa.

Approfondimenti: Poi Energia.