Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Sono stati realizzati più di 2.500 progetti di green economy pari a oltre un miliardo di euro. Questi i risultati del POI Energia 2007-2013 presentati a Roma. Il Programma operativo interregionale Energie rinnovabili e Risparmio energetico, gestito dai Ministeri dello Sviluppo Economico e dell'Ambiente, è stato finanziato col Fondo europeo di sviluppo regionale e rivolto alle regioni Convergenza: Calabria, Campania, Puglia, Sicilia.

Sono precisamente 2.553 i progetti realizzati grazie al Poi Energia, che hanno consentito a istituzioni, enti e imprese di investire su fonti rinnovabili, reti "intelligenti", riduzione dell'inquinamento, risparmio energetico in scuole, università, ospedali, edifici pubblici. I progetti finanziati interessano, in particolare, la produzione di energia da fonte rinnovabile; l'efficientamento energetico degli edifici pubblici; il sostegno agli investimenti delle imprese, in ambito energetico; il finanziamento di interventi sul territorio per il potenziamento e la conversione 'intelligente' delle reti di distribuzione e trasmissione dell'energia; la realizzazione di diagnosi energetiche; l'attuazione di studi di fattibilità e analisi per la valutazione del potenziale di sviluppo energetico.

Il Programma ha permesso di avere: 1.283 cantieri attivati per la realizzazione di interventi sugli edifici della Pa; 1.172 progetti realizzati dai Comuni; 26 progetti nelle Università; 19 progetti nei Musei ed edifici di pregio; 23 progetti su edilizia carceraria; 10 progetti nelle strutture ospedaliere; 1.605 km di rete ammodernati in un'ottica di smart grid; 240 milioni di euro circa il contributo del Programma alle imprese, prevalentemente micro e pmi (73%), per il finanziamento di 1.237 progetti.

Dunque, spiega Simonetta Piezzo, dirigente del Mise (dg Mercato elettrico, rinnovabili, efficienza energetica, nucleare), il bilancio del Programma è sicuramente positivo: “Abbiamo lavorato in grande sinergia con tutti gli attori istituzionali, con le amministrazioni pubbliche, i Comuni e le Regioni, e questo è il risultato di un grande lavoro di squadra”. Quanto alla prossima fase di programmazione, “le azioni di efficientamento energetico sono comprese nel nuovo Programma Imprese e Competitività, che sarà sempre gestito dal Ministero dello Sviluppo economico e che prevede interventi per questa misura da parte delle Regioni”.

Approfondimenti: "Rinnovabili ed efficienza energetica: i risultati del POI Energia e le prospettive 2014-2020".