Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Dal 22 marzo fino alla fine di giugno 2010 si svolgerà l'ottava edizione della Primavera dell'Europa, in cui vengono incoraggiati gli incontri tra gli studenti, gli insegnanti, personalità sociali e figure chiave a livello istituzionale.

 

La Primavera dell'Europa è un'opportunità per i giovani di discutere le sfide di oggi e contribuire a delineare l'Europa del futuro. Gli insegnanti possono riservare una o più giornate agli eventi della Primavera dell'Europa che celebra quest'anno "Cittadinanza e diritti fondamentali" in quanto parte dell'identità culturale e sociale europea. La Primavera dell'Europa 2010 promuove inoltre la solidarietà e la coesione sociale nelle scuole supportando gli obiettivi dell'Anno Europeo della lotta alla povertà e alla coesione sociale.

Il sito web della Primavera dell'Europa è una piattaforma dove gli insegnanti possono condividere le idee e trovare del materiale innovativo per le loro lezioni in modo tale da rendere l'Europa una realtà tangibile.

Un sistema di prenotazione aiuta ad organizzare le visite e permette che gli studenti possano condividere le proprie opinioni sull'Europa.

La Primavera dell’Europa è organizzata da European Schoolnet per conto della Commissione Europea. Per garantire l’elevata qualità e il valore educativo del progetto, la Primavera dell’Europa è gestita a livello centrale da European Schoolnet e a livello locale da una rete di contatti nazionali e da un gruppo di consulenti degli insegnanti. L'iniziativa è supportata dai Ministeri dell'Istruzione dei 27 apesi membri.