Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

euDal 1° gennaio 2011 l’Estonia sarà il diciassettesimo paese ad entrare nell’area dell’euro, e sostituirà la corona estone come moneta legale. Si è così concluso il processo di approvazione iniziato in maggio.


La Commissione europea ha dichiarato che l’Estonia ha tutti i requisiti per adottare la moneta comune europea. La situazione delle finanze pubbliche estoni in questo momento è stata valutata ottima: l’anno scorso il disavanzo di bilancio era pari all’1,7% del PIL, un valore ben inferiore al limite del 3% stabilito dall’UE, mentre il debito pubblico ammontava al solo 7,2% del PIL. L’economia estone è molto flessibile e, se non è rimasta immune dalla crisi, si è dimostrata capace di funzionare e di adattarsi mantenendo un tasso di cambio fisso per quasi due decenni.

I cittadini estoni, che sono 1,2 milioni, saranno solo una piccola parte dei 330 milioni di persone che usano l’euro. Gli ultimi paesi che hanno adottato la moneta europea sono la Slovacchia (2009), Cipro, Malta (entrambi nel 2008) e la Slovenia (2007).

  

 

Fonte: Europa Regioni.