Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

euLa sfida principale consiste nel trovare un equilibrio tra la fiducia ed il controllo, cioè tra l’esigenza di una sana gestione dei fondi e la fiducia alla quale hanno legittimamente diritto i ricercatori.


La Presidenza belga dell’Ue ha organizzato nei giorni scorsi un seminario sulla semplificazione dei programmi quadro per la ricerca. Se alcune misure sono già state adottate nell’ambito del 7° Programma Quadro ai fini di renderlo più efficace ed accessibile, il processo di semplificazione delle procedure amministrative e finanziarie deve essere perseguito ai fini di assicurare l’attrattività dei programmi quadro.

Occorre tenere in considerazione la nozione di rischio ed incertezza inerente tutta la ricerca. Per tale motivo un eventuale passaggio da un approccio  basato sui costi ad un approccio basato sui risultati esige una attenta definizione del significato di “risultati” in materia di ricerca. Una visione troppo ristretta di tale nozione potrebbe in effetti condurre a privilegiare i progetti meno rischiosi a sfavore della ricerca di punta e dell’innovazione. Al contrario, il criterio di eccellenza scientifica dovrebbe essere precisato e restare centrale nella valutazione dei risultati. La semplificazione dovrebbe dunque iscriversi in  una prospettiva di leggibilità, coerenza e stabilità delle regole.

Fonte: Europa Regioni.