Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

corridoio8"Entro dicembre 2010, Puglia e Bulgaria costituiranno i due estremi del Corridoio VIII, per formare la prima euroregione italiana": ad annunciarlo è Massimo Lupis, amministratore delegato FdL Servizi, nell’incontro inaugurale del Padiglione 126 alla Fiera del Levante, spazio che ospita il Segretariato del Corridoio VIII, l’asse di comunicazione che collega l’Adriatico con il Mar Nero.

 


L’Euroregione Corridoio VIII, è una delle iniziative più importanti attualmente in fase di realizzazione nell’ambito del Corridoio VIII. Si tratta di un patto di cooperazione volto a intensificare gli scambi tra Puglia e Bulgaria, che ha visto la luce nel luglio 2006 con l’emanazione del regolamento 1082/2006. Il regolamento ha istituito il primo Gect nella storia dell’Unione europea: i Gect (Gruppi europei di cooperazione territoriale) sono strumenti giuridici messi a disposizione degli Stati dell’Ue per avviare tra loro politiche di cooperazione transnazionale.

“L’Italia è uno dei tre partner commerciali più importanti per il nostro Paese, gran parte delle esportazioni bulgare sono rivolte verso l’Italia, soprattutto nel settore vitivinicolo e dell’industria leggera” ha spiegato Bojiko Kadrinov, consigliere economico e commerciale dell’Ambasciata di Bulgaria a Roma, sottolineando la funzione strategica del progetto.

Anche Ernesto Somma, delegato del Dipartimento Affari regionali della Presidenza del Consiglio dei Ministri, ha espresso il suo apprezzamento per l’iniziativa: “L’Euroregione è un’occasione importante, a ora sono solo due i Gect approvati in tutta l’Unione. Sarebbe opportuno coinvolgere anche l’Albania e l’ambasciata italiana in Albania nella sua costituzione”.

 

 

Fonte: Fiera del Levante