Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

genovaAffronterà le complesse relazioni culturali fra le sponde nord e sud, rilanciando anche nuove prospettive di scambi economici, la prima Biennale del Mediterraneo in programma con vari eventi fino a dicembre a Genova. Realizzata su invito del Ministero degli Affari esteri, la manifestazione è stata presentata dal sottosegretario agli Esteri Stefania Craxi, col sindaco Vincenzi e l'assessore comunale alla cultura Ranieri.


"Abbiamo scelto di mettere in rete le iniziative sul Mediterraneo e stiamo facendo una mappatura nei vari comuni - ha detto Craxi - Non è un progetto mastodontico, ma in itinere che speriamo si consolidi anno dopo anno. Genova è la sede per un'ideale inaugurazione perché ha un evento europeo come il Festival della scienza". Stefania Craxi ha aggiunto che "la politica mediterranea è una priorità e creare una macroregione mediterranea di scambi economici e stabilità politica è indispensabile per dare un ruolo politico a tutta la regione nel complesso delle relazioni internazionali".

La Biennale a Genova, simboleggiata da un'immagine satellitare rovesciata, con l'Africa a nord e l'Europa a sud, partirà a ottobre con alcuni exibit del Festival della scienza incentrati sul Mediterraneo, accompagnati da due mostre a Palazzo Ducale (quella sul Mediterraneo di Studio Azzurro appena inaugurata e una sugli impressionisti e il mare). Inoltre è previsto un convegno sul trasferimento tecnologico promosso dalla Camera di commercio e scambi tra facoltà di ingegneria di tutti i paesi mediterranei organizzato dall'Università di Genova.

La Biennale, oltre ad approfondire le relazioni culturali del Mare Nostrum con quattro temi caldeggiati dal Ministero come cinema, musica, scienza e architettura, si occuperà anche di argomenti economici e finanziari, come shipping e autostrade del mare. Tra le curiosità, ci sarà anche un forum dei Conservatori musicai sulla voce e l'improvvisazione e un convegno sui lavori del mare a cura dell'Accademia del mare.

A ricordare gli scambi millenari anche culinari tra le sponde, è prevista una mostra polisensoriale al Ducale a dicembre, dal titolo 'Panealpane' su cibo e design. Il sindaco Marta Vincenzi ha concluso: "Genova da sempre ha un rapporto col Mediterraneo che stiamo coltivando per farlo diventare un'identità visibile e una sfida per il futuro" e ha chiesto che "siano poste le premesse per l'irreversibilità del progetto al di là dei governi che verranno".

 

 

Fonte: Il Mediterraneo