Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

cisvaL'Università del Salento, in collaborazione con il Centro Interuniversitario Internazionale di Studi sul Viaggio Adriatico (CISVA), ha assegnato il “Premio Adriatico 2010” per la migliore edizione digitale di un'opera - mai precedentemente edita in formato elettronico – relativa al viaggio in area adriatica.


Il vincitore del Premio è Toni Veneri, dottorando dell’Università di Trieste, che ha presentato un corposo lavoro di edizione dell'Enciclopedia morale e civile della vita, costumi ed impegni di religione dell’Abate Antonio Olivieri. Si tratta di un’autobiografia del primo Settecento che dedica largo spazio al viaggio lungo le coste, con particolare attenzione ai costumi di vita delle città adriatiche dell’epoca. La giuria, presieduta da Giovanna Scianatico, direttore del CISVA, era costituita dai docenti di varie Università italiane e straniere.

Tra le altre opere presentate hanno meritato una menzione d'onore e la pubblicazione nella collana digitale del CISVA, "Archivi del viaggio adriatico", gli elaborati prodotti da:
• Nicola Barbuti (Università di Bari), che ha presentato la trascrizione di un manoscritto della seconda metà del Settecento relativo alla corografia del Salento, proveniente dalla Biblioteca privata Gennaro de Gemmis;
• Mariangela Caputo, che ha partecipato con un’edizione del “Registro dal giorno della partenza da Venezia del padre Adriano di Adria, e suoi compagni fino al suo arrivo in Cipro”, manoscritto inedito del racconto di un viaggio del Settecento in Oriente;
• Stella Fanelli, che ha concorso con un’edizione digitale del “Viaggio di un giovane di Chioggia”, che riproduce un testo a stampa del Cinquecento contenente, oltre ad interessanti incisioni d’epoca, la narrazione del periglioso viaggio di un giovane per le terre italiane, dalmate, ungheresi, polacche, serbe e greche;
• Artan Fida (Università di Tirana), che ha presentato un’edizione digitale del testo di Enrico Degubernatis  dal titolo “Epiro. Relazione di un viaggio da Janina a Valona”, il cui contenuto è un’attenta descrizione della geografia della regione, ricca anche di riferimenti alla storia dei luoghi, di informazione sugli usi e costumi degli abitanti oltre che sulle modalità del viaggio.

Si ricorda che il 28 e 29 settembre 2010, presso il Centro convegni “Hotel Porto Giardino” di Capitolo (Monopoli), si terrrà il secondo incontro internazionale “Letteratura adriatica. Le donne e la scrittura di viaggio”. L’iniziativa è promossa dalla Regione Puglia e organizzata dal Centro Interuniversitario Internazionale di Studi sul Viaggio Adriatico (Cisva) e dal Dipartimento di Filologia, Linguistica e Letteratura dell'Università del Salento, d’intesa col Centro Studi Formazione delle Relazioni Interadriatiche dell'Università di Bari (Cesforia), col Centro Interdipartimentale Lessici a Confronto dell’Università di Bari (Lexicon) e col Centro Interdipartimentale di Ricerca sul Viaggio dell'Università della Tuscia (Ciriv).

Approfondimenti:
Programma del 2° convegno internazionale CISVA: “Letteratura adriatica. Le donne e la scrittura di viaggio”.

 

 

Fonte: CISVA