Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Oltre 150 rappresentanti delle organizzazioni della società civile dell’UE e dei 16 paesi partner del bacino del Mediterraneo si riuniranno a Roma, dal 10 al 12 novembre prossimi, presso il Consiglio nazionale dell’economia e del lavoro, per l’annuale vertice euromediterraneo dei consigli economici e sociali e istituzioni analoghe. L’istituzione di un’assemblea per la società civile dell’UE e del Mediterraneo sarà il tema al centro delle discussioni.


Si tratta di un’iniziativa promossa dal Comitato economico e sociale europeo (CESE), unitamente ai suoi partner dell’UE e dei paesi mediterranei. L’obiettivo è quello di mettere una struttura istituzionale permanente a disposizione della rete dei consigli economici e sociali e istituzioni analoghe di Euromed, istituita nel 1995 nel quadro della Dichiarazione di Barcellona.

L’assemblea formulerà raccomandazioni, dichiarazioni e relazioni rivolte agli altri organi dell’Unione per il Mediterraneo, alle istituzioni dell’UE e ai governi nazionali, sia su loro consultazione sia di propria iniziativa, sulla base di un consenso fra i membri. L’idea di un’assemblea della società civile è emersa in una risoluzione del Parlamento europeo del 19 febbraio 2009, che auspica "il coinvolgimento della società civile all’interno dell’idonea struttura istituzionale dell’Unione per il Mediterraneo".

 

 

Fonte: Europa Regioni