Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Un'enorme spinta al cammino europeo per la Serbia. E’ questo il senso della convenzione bilaterale siglata nei giorni scorsi tra il ministro dell'Economia serbo Mladjan Dinkic e il commissario Ue per il commercio Karel De Gucht. Con la firma dell’accordo, che prevede la liberalizzazione dei mercati serbi e l’adeguamento di questi ultimi alle norme dell’Organizzazione Mondiale del Commercio, di fatto Belgrado inizia a varcare le soglie della World Trade Organization: l’entrata definitiva è prevista per la fine del 2011.


“La firma è storica in quanto non solo rappresenta un passo importante nel processo di ammissione al WTO della Serbia, ma anche perché è la prova del rafforzamento delle nostre relazioni economiche. La Serbia ha compiuto significativi progressi verso l'adesione all'OMC, e l'UE continuerà a sostenere con forza il Paese a unirsi a questa organizzazione”, ha detto De Gucht al termine della cerimonia per la firma.

Dal canto suo Dinkic ha ribadito che il protocollo bilaterale rappresenta “Il passo più importante sul percorso che porta all’adesione all'OMC, dal momento che il 60 per cento del totale degli scambi della Serbia e dei servizi sarà realizzata con i paesi membri della UE”, e ha aggiunto: “Nei prossimi mesi, Belgrado continuerà i negoziati bilaterali con altre nazioni europee”.

Dinkic ha espresso inoltre la convinzione che la firma dell'accordo con l'UE“ incoraggerà anche altri paesi a fare lo stesso”, e ha sottolineato come l’adesione di Belgrado all'OMC sarà “importante ed essenziale per il potenziamento del commercio”, e servirà ad “accelerare il processo di adesione all'Unione Europea della Serbia”.

 

 

Fonte: Il Mediterraneo