Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Ha preso il via a Mostar, presso l’asilo dell’Ong Sos Kinderdorf, il secondo seminario di musicoterapia per insegnanti e pedagogisti realizzato nell’ambito del Progetto “Sostegno alle azioni a favore di minori in condizioni di particolare vulnerabilità e a rischio in Bosnia Erzegovina” finanziato dalla Cooperazione Italiana.


Lo scorso ottobre, durante il primo seminario, sono stati forniti al personale educativo proveniente da tre asili di Mostar gli elementi base per lo sviluppo dei laboratori musicali, realizzati proprio durante questi mesi nell’ambito del progetto, e che coinvolgono i bambini normodotati e con disabilità. Attraverso questi laboratori, oltre ad attuare concretamente l’inclusione sociale, i minori coinvolti stanno beneficiando delle potenzialità educative e terapeutiche della musica.

Anche il secondo seminario è stato condotto dal professor Dario Benatti, musicoterapeuta, direttore della scuola di musicoterapia ”Musica Prima” di Milano e docente di laboratorio presso la Facoltà di Scienze dell’Educazione e Psicologia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Durante le due giornate di formazione, condotte presso l’asilo SOS Kinderdorf, sono stati completati gli argomenti e le attività già avviate durante il primo seminario, effettuando un’adeguata supervisione e confronto di gruppo riguardo alla prima parte dei laboratori svolti con i bambini disabili e normodotati.

La metodologia di conduzione ha previsto, anche in questo caso, un’ampia parte pratica che permesso alle insegnanti di acquisire strumenti e capacità per un uso operativo delle tecniche e per una loro applicazione sia all’interno dei laboratori musicali in corso, sia come attività integrata in futuri programmi multi-disciplinari di intervento.

 

 

Fonte: Ministero Affari Esteri