Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

"Accrescere il protagonismo dei giovani e delle associazioni giovanili del Mediterraneo", questo uno degli obiettivi della rete istituzionale sui giovani e le politiche giovanili nell'area euro-mediterranea.


L'intesa è stata sottoscritta dal sindaco di Cosenza, Salvatore Perugini; dall'assessore comunale alle politiche giovanili, Francesca Bozzo; dall'assessore alle politiche giovanili della Provincia, Maria Francesca Corigliano; dal Presidente della Carical, Mario Bozzo; dal direttore del Dipartimento di sociologia dell'Unical, Pietro Fantozzi; e dal Presidente del Delfino Lavoro, Annamaria Bevilacqua.

L'assessore Bozzo ha evidenziato l'intesa servirà ad "accrescere il protagonismo dei giovani e delle associazioni giovanili del Mediterraneo all'interno delle società di appartenenza e nei confronti delle istituzioni locali, nazionali ed internazionali; contribuire ad aumentare l'impegno delle istituzioni pubbliche in favore dei giovani, dei loro diritti e del loro futuro; diffondere la cultura e la prassi del dialogo e della cooperazione fra le giovani generazioni del Mediterraneo; promuovere lo sviluppo sostenibile, la pace, il superamento delle disuguaglianze nel Mediterraneo".

Sul piano dell'organizzazione, il protocollo prevede una cabina di regia che definisce di volta in volta gli indirizzi e gli obiettivi specifici oltre che valutarne l'efficacia, ed un tavolo tecnico che coordina le azioni comuni e la condivisione delle risorse, oltre che monitorare le attività. "E' stato un percorso fortemente voluto dal Delfino Lavoro - ha detto Bevilacqua - che mette a frutto otto anni di esperienza dell'associazione, a favore del dialogo tra Algeria, Egitto, Giordania, Israele, Italia, Libia, Malta, Marocco, Palestina, Spagna e Tunisia".


Fonte: Il Mediterraneo