Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

“Un altro Mediterraneo e’ possibile” sarà il leitmotiv della Conferenza stampa che la Copeam ha organizzato in media partnership con l’AGI, che si terrà giovedì 17 Febbraio alle ore 11:00 presso la sede della Rappresentanza italiana della Commissione Europea, sala “Natali”, in via IV Novembre 149 Roma.


Produzione, messa in onda in prime time e scambio di 300 news, 40 magazine e 9 documentari in lingua araba per informare le popolazioni della riva sud del Mediterraneo sulle azioni di cooperazione sostenute dall’UE in questa regione: questo l’obiettivo di Euromed News, un’iniziativa a carattere regionale e multilaterale finanziata dalla Commissione europea nell’ambito del bando ENPI Media 2008.

Il progetto, che ha come capofila France Télévisions, è nato grazie alla cooperazione tripartita fra l’ASBU (Unione delle Televisioni dei Paesi della Lega Araba), la COPEAM (Conferenza Permanente dell’Audiovisivo Mediterraneo) e l’UER (Unione Europea di Radiotelevisione).

Il consorzio è altresì composto dalle televisioni pubbliche algerina (EPTV), giordana (JRTV), egiziana (ERTU), libanese (Téléliban), marocchina (SNRT) e siriana (ORTAS).

Alla luce dei recenti avvenimenti che stanno interessando la sponda sud del Mediterraneo, la produzione e lo scambio regolare di notizie per una loro circolazione su scala regionale rappresentano il punto di forza di una comunicazione condivisa.

In questa ottica, risulta ancora più doveroso valorizzare i profili professionali coinvolti, creare sinergie e condividere valori come la cooperazione, lo scambio di competenze, l’indipendenza dell’informazione e la crescita dei professionisti del settore, nel rispetto della libertà editoriale di ciascuno.

Fra le best practice acquisite nel corso dell’azione, l’incoraggiamento a una corretta rappresentazione delle questioni di genere nell’informazione, una strategia che ha accompagnato trasversalmente tutte le attività condotte nel quadro del progetto, al fine di favorire lo sviluppo di una rete di professionisti dell’informazione consapevoli in merito a tematiche ancora in emergenza in quell’area.


Fonte: ilmediterraneo