Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Nasce "Longitude", il primo mensile italiano di politica estera pubblicato in inglese e distribuito in tutto il mondo. L'iniziativa di "public diplomacy" nasce da un'idea di Pialuisa Bianco, responsabile del Forum Strategico della Farnesina e direttrice della rivista, il cui primo numero è già in edicola con un focus sull'Europa e uno special report sulla Turchia.


"E' un'opportunità’ straordinaria per tutti gli attori del sistema Italia, un'opportunità’ che spero nessuno voglia mancare", scrive il Ministro degli Esteri Franco Frattini salutando la nascita di 'Longitude' come "il frutto di una coraggiosa e indipendente iniziativa editoriale che punta ad illustrare la nostre decisioni in politica estera", coinvolgendo i cittadini e favorendo un sano dibattito intorno ad esse. Oltre a quello di Frattini, nel primo numero della rivista ci sono interventi anche del Segretario Generale della Farnesina Giampiero Massolo che indica "i nuovi obiettivi della diplomazia" e del Capo di Gabinetto di Frattini, Pasquale Terracciano.

'Longitude' non sarà una rivista 'istituzionale' ma un giornale che, spiega Pialuisa Bianco in apertura, vuole rivolgersi alle comunità economiche, ai decision-makers e anche alle istituzioni di tutto il mondo. “Ogni mese, ‘Longitude’ – scrive Bianco - mostrerà che l’Italia è un laboratorio vivente. Produrrà proposte strutturate assieme a studi di fattibilità per contribuire al dibattito internazionale. Un’analisi strategica senza un approccio pragmatico – sottolinea la direttrice della rivista - rischia di dissiparsi nel vuoto. Gli opinionisti, parlando dall’alto delle loro cattedre, possono anche essere intelligenti e lungimiranti ma ambiscono principalmente a dimostrare la validità delle proprie teorie; non incidono sulle decisioni. Con grande umiltà, noi condurremo esami attenti e ad ampio raggio delle situazioni contingenti e cercheremo di mappare le possibili opzioni nel modo più acuto e realistico possibile’’.

 

 

Fonte: Ministero Affari Esteri