Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Raitalia - il canale internazionale trasmesso in quattro continenti (esclusa l'Europa) con una selezione dei programmi della Rai Radiotelevisione Italiana di maggior successo e interesse - è approdata in Israele. Rai World ha infatti raggiunto un accordo per la distribuzione del canale Rai per gli italiani all'estero con Yes DBS, l'operatore della tv satellitare a pagamento leader in Israele.


Il Ministro Frattini ha partecipato alla presentazione dell’accordo, in Rai, insieme con i vertici dell’azienda e l'Ambasciatore israeliano in Italia, Gideon Meir. "La Rai diventa uno strumento potente di public-diplomacy", ha osservato Frattini, sottolineando come quest'accordo enfatizzi ulteriormente la "grande potenzialità della Rai di sapersi proiettare all'estero e, al tempo stesso, "incoraggia a fare di più in quest'area così vicina a noi". "Dobbiamo costruire insieme un Mediterraneo che sia davvero un ponte", ha aggiunto Frattini rivolgendosi ai vertici Rai.

Si tratta di "un'intesa molto importante anche per il ruolo che Israele, oggi più che mai, può avere nell'area del Mediterraneo", ha detto il Presidente della Rai Garimberti sottolineando l'importanza che la politica usi tutti gli strumenti e i meccanismi a sua disposizione con l'obiettivo di una vera "unione per il Mediterraneo che crei sviluppo e condizioni di stabilità".

Guardando ai futuri compiti di Rai World - la società della Rai che in base al piano industriale recentemente approvato dovrà sviluppare una nuova e più articolata presenza del Servizio Pubblico Radiotelevisivo nel contesto internazionale - Frattini ha rivolto l'attenzione a Rai Med. Va "riprogettata", ha osservato il Ministro, "magari pensando ad un canale multilingue e multipiattaforma che parli anche il linguaggio delle reti a quegli stessi giovani che attraverso le reti costruiscono proprio in questi giorni le nuove opinioni, pubbliche della sponda Sud".

 

 

Fonte: Ministero Affari Esteri