Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Sabato 30 aprile 2011, alle ore 19.00 presso l’Istituto Suore Oblate di S. Benedetto Giuseppe in Labre a Molfetta, si terrà la presentazione dei risultati conseguiti al termine del progetto “MU.SA” (MUltimedialità SArtoria) svoltosi in Albania, nell’ambito dell’Accordo Programma Quadro – area dei Balcani.


Nel corso dell’iniziativa, che si inserisce nella giornata in ricordo di Don Ambrogio Grittani, a 60 anni dalla sua morte, si terrà l’inaugurazione della mostra dei prodotti tessili realizzati dai soggetti beneficiari del progetto “MU.SA”. Seguirà “Omaggio alla memoria”, intrattenimento musicale con i musicisti della Swing in Italy Jazz Band e la New Orchestra.

Il progetto “MU.SA”, acronimo che sta per MUltimediale/SArtoria, prevedeva la creazione di un laboratorio-scuola di sartoria e di informatica nel villaggio di Zheja nel cuore dell’Albania a circa 40 km da Durazzo. Grazie al contributo dell’Assessorato al Mediterraneo della Regione Puglia e grazie alla dedizione al lavoro e alla formazione mirata soprattutto ai giovani e alle donne delle Oblate di S. Benedetto Giuseppe in Labre, promotrici di questo progetto, è stato possibile creare il laboratorio/scuola che, peraltro, è diventato un simbolo di riferimento per lo sviluppo delle attività artigianali, l’alfabetizzazione informatica e la microimprenditorialità.

Il progetto “MU.SA” ha anche ottenuto favorevoli risultati in ambito etico e sociale spaziando dalla promozione dell’eguaglianza di genere alla valorizzazione del ruolo delle donne, dal miglioramento dei contesti lavorativi e sociali locali alla riduzione del degrado e della povertà estrema che caratterizza i territori d’oltre Adriatico. L’esposizione di alcuni dei manufatti tessili, che sarà inaugurata per l’occasione, vuole essere una fotografia tridimensionale di quanto, con volontà e dedizione, le Suore Oblate di S. Benedetto Giuseppe in Labre sono riuscite ad ottenere mosse dai principi di pace, tolleranza e solidarietà.

 

 

Redazione Europuglia