Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Fino al 1° maggio, presso l’UNRWA Siblin Training Center di Saida (Libano), si terrà la 3a edizione delle “Palestiniadi”, iniziativa finanziata dalla Cooperazione Italiana in collaborazione con UNRWA e la partecipazione dell’Associazione Italiana UISP Sport Per Tutti. Ad aprire l’evento sportivo saranno l’Ambasciatore d’Italia in Libano Giuseppe Morabito ed il Direttore UNRWA Salvatore Lombardo, che con un calcio di inizio daranno il via alla 1a partita con squadre composte da libanesi e palestinesi.


Scopo dell’iniziativa è infatti quello di promuovere lo sport quale strumento di dialogo e tolleranza, promuovendo anche un miglioramento dei rapporti tra ragazzi palestinesi e ragazzi libanesi. Nei tre giorni di competizioni, 500 ragazzi/e provenienti dai 12 campi palestinesi del Libano si affronteranno amichevolmente in numerose discipline (calcio, basket, pallavolo, ping pong, corsa e un torneo di scacchi) indossando le divise fornite per l’occasione dalla Cooperazione Italiana.

Durante la sera sono previste numerose attività ricreazionali, quali il cinema e la tradizionale danza mediorientale Dabke, dando la possibilità ai ragazzi di conoscersi e confrontarsi in un clima ben lontano dalla drammatica condizione nei campi palestinesi in cui vivono quotidianamente. Inoltre 10 studenti del Dipartimento Grafica, Cinema e Arte visiva dell’Accademia di Belle Arti di Beirut (ALBA) affiancheranno i ragazzi nei 3 giorni di competizione sportiva, immortalando i ragazzi in scatti naturali mentre giocano, parlano, ridono e si confrontano. Le foto e le illustrazioni grafiche diventeranno poi un calendario dell’evento ed una mostra organizzata dall’ALBA.

Il progetto “Palestiniadi” non si esaurisce con la cerimonia di consegna delle medaglie per i vincitori prevista il 1° maggio, ma continua con la riabilitazione di aree sportive all’interno dei campi palestinesi. Nelle precedenti edizioni la Cooperazione Italiana ha già realizzato, insieme a UNRWA, la riabilitazione del campo sportivo di Shatila (Beirut) e la costruzione di una palestra coperta all’interno del campo di Rashidiye, mentre la Regione Puglia, il Comune di Roma e l’Associazione Italiana UISP Sport Per Tutti hanno riabilitato rispettivamente i campi di El Buss (Tiro), Ein-el Hilweh (Saida) e Beddawi (Tripoli). In questa edizione il Governo Italiano si occuperà di riabilitare il playground nel campo palestinese cristiano di Dubaye.

In occasione dell’iniziativa, infine, l’Associazione italiana UISP Sport Per Tutti, in collaborazione con la Municipalità di Saida, la rete delle scuole di Saida, la Cooperazione Italiana e UNRWA – Dignity For All, organizzerà la maratona Vivicittà (tradizionale appuntamento organizzato dalla UISP in molte città Italia ed in piazze Europee da molti anni) a cui prenderanno parte 1200 ragazzi, libanesi e palestinesi, che hanno svolto tre diversi percorsi nel suggestivo scenario del lungomare di Saida.

 

 

Fonte: Ministero Affari Esteri