Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

"Le Regioni hanno espresso parere negativo sul decreto relativo agli incentivi per gli impianti fotovoltaici", lo ha dichiarato il Presidente della Conferenza delle Regioni Vasco Errani. Ma ci sono passi in avanti sul fronte delle bonifiche dall'amianto che il sistema premiale previsto promuoverà ulteriormente.


"A determinare il parere negativo - ha spiegato Errani - il fatto che non siano state accolte le nostre proposte tese a salvaguardare i diritti acquisiti dagli operatori e a garantire un decremento delle tariffe in linea con le esigenze del settore e con la necessaria tutela dei posti di lavoro.

Il lavoro delle Regioni ha comunque già portato a migliorare il testo proposto dal Governo e anche i passi in avanti registrati vanno sottolineati. In particolare sul fronte delle bonifiche dall'amianto che il sistema premiale previsto promuoverà ulteriormente. Un risultato che nella Giornata mondiale Vittime dell'amianto, assume anche una valenza simbolica. Importante anche l'accoglimento della proposta delle Regioni finalizzata a salvaguardare la produzione nazionale della componentistica necessaria alla realizzazione degli impianti.

Le Regioni - ha concluso Errani - data l'importanza strategica dell'energia fotovoltaica nella prospettiva dell'attuazione del Protocollo di Kyoto continueranno comunque il confronto con l'esecutivo per migliorare ulteriormente il testo del decreto".

 

 

Fonte: SistemaPuglia