Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Ha preso avvio una nuova operazione umanitaria a favore della popolazione libica promossa dalla Cooperazione allo Sviluppo italiana del Ministero degli Affari Esteri con il supporto logistico e operativo del Ministero della Difesa e l’attiva partecipazione della Regione Lazio tramite l’Azienda Ospedaliera San Camillo-Forlanini di Roma.


Venendo incontro ad una specifica richiesta avanzata nel corso della sua ultima visita a Roma dal Presidente del Comitato Nazionale ad Interim libico, Mustafa Jalil, il Ministro degli Affari Esteri Franco Frattini, ha incaricato la Cooperazione di proseguire nella sua azione umanitaria volta a prestare cure mediche in Italia ed in Libia alla popolazione civile vittima del conflitto in corso.

Un C130 dell’Aeronautica Militare, attrezzato per il trasporto di feriti, è decollato da Pratica di Mare alla volta di Milano con il compito di rimpatriare in Libia i primi 9 cittadini libici dimessi, dopo appropriate cure specialistiche, dalle strutture ospedaliere della Regione Lombardia dove erano stati ricoverati lo scorso 8 aprile a seguito di un volo umanitario della Cooperazione Italiana. Lo stesso velivolo è proseguito successivamente alla volta di Bengasi con l’obiettivo di prendere a bordo ulteriori 25 feriti libici, tra cui minori, e 4 accompagnatori che sono stati accolti per cure presso la struttura ospedaliera del San Camillo-Forlanini di Roma, individuata dalla Regione Lazio quale centro sanitario per le cure.

A bordo c'erano l’Inviato del Ministro Frattini per le Emergenze Umanitarie, On. Margherita Boniver,  l’On. Gianni Vernetti, quale rappresentante della Commissione Esteri della Camera dei Deputati e già Sottosegretario agli Affari Esteri, esperti tecnici e sanitari della Cooperazione Italiana nonché un team medico del Ministero della Difesa. Sull’aereo tra gli altri anche un team medico dell’ospedale San Camillo-Forlanini che, in stretto coordinamento con i rappresentanti a Bengasi dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e del Comitato Nazionale ad Interim, opereranno per le prossime settimane negli ospedali della città al fine di rafforzare le strutture mediche locali.

 

 

Fonte: Ministero Affari Esteri