Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Sentire più vicina l'Europa. Questo è l'obiettivo del nuovo studio radio inaugurato presso lo Spazio Europa di Roma, alla presenza del Vice Presidente della Commissione europea Antonio Tajani, dei Vice Presidenti del Parlamento europeo Roberta Angelilli e Gianni Pittella, del Presidente della RAI Paolo Garimberti e del consigliere d'amministrazione Angelo Maria Petroni.


Alla cerimonia d'inaugurazione dello studio radio hanno partecipato anche Clara Albani, Direttrice dell'Ufficio per l'Italia del Parlamento europeo, Lucio Battistotti, direttore della Rappresentanza in Italia della Commissione europea, Antonio Preziosi, direttore di Radio RAI Uno e Giornale Radio, Bruno Socillo, Direttore di Radio RAI. Lo studio, realizzato dalla Rappresentanza in Italia della Commissione europea, è stato inaugurato con la collaborazione di RAI GR Parlamento (Roma: FM 99,30).

L'obiettivo dell'iniziativa è di contribuire a colmare il deficit di comunicazione sull'Europa nei media radiofonici italiani, con un servizio gratuito semplice, in totale libertà editoriale. Il nuovo studio radio europeo permetterà a tutte le emittenti radiofoniche che lo richiederanno di registrare, montare e trasmettere, in diretta o in differita, programmi e speciali che hanno come filo conduttore l'Unione europea, le sue politiche, programmi, finanziamenti e servizi per i suoi cittadini, nonché dibattiti, interviste di personalità ed esperti europei.

 

 

Fonte: PORE