Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Trasparenza, rapidità ed efficienza: sono questa le tre chiavi che sono valse all'Unità di crisi del Ministero Affari Esteri il "Premio euromediterraneo 2011" assegnato, come ogni anno, agli organismi istituzionali pubblici e privati, alle testate giornalistiche nazionali e ai cronisti che si distinguono nella comunicazione dei fatti legati all'area del Mediterraneo.


L'Unità di crisi si è imposta nella categoria riservata alla "comunicazione istituzionale". Il presidente di Assafrica e Mediterraneo, Pierluigi D'Agata, che ha curato il premio in collaborazione con l'Associazione italiana della comunicazione pubblica e istituzionale, ha ricordato la "fase molto delicata" che sta vivendo il Mediterraneo, sottolineando come l'Unità di crisi "negli ultimi mesi sia stata eccezionale", consentendo a migliaia di italiani "di essere protetti e di poter lasciare molteplici teatri di crisi in assoluta sicurezza".

Nel suo intervento, il capo dell'Unità di crisi, Fabrizio Romano, ha descritto il lavoro svolto dalla sua squadra, citando i social network (twitter e facebook) e i siti "Viaggiare sicuri" e "Dove siamo nel mondo" come strumenti indispensabili per assicurare informazioni agli italiani che viaggiano e a localizzarli nei momenti più difficili.

Promosso da Assafrica & Mediterraneo, l'Associazione specializzata del Sistema Confindustria che rappresenta e supporta le imprese italiane operanti o interessate a svilupparsi nei 70 Paesi del Mediterraneo, Africa e Medio Oriente, in collaborazione con l'Associazione Italiana della Comunicazione Pubblica e Istituzionale, il premio rappresenta ormai da anni un’iniziativa unica nel panorama italiano, proponendo un benchmarking sulle "buone pratiche" pubblico-privato a livello dell'intera area euromediterranea.

Approfondimenti: Premio Euromediterraneo 2011.

 

 

Fonte: Ministero Affari Esteri