Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

L’ambasciatore d’Italia in Libano, Giuseppe Morabito, ed il ministro dell’Energia e dell’Acqua, Gebran Bassil, si sono incontrati in occasione dell’apertura dell’ufficio che seguirà le attività del progetto ”Water Table Map of Lebanon”, un’iniziativa finanziata dalla Cooperazione italiana allo sviluppo per un valore di 1,8 milioni di euro e realizzata da Undp.


Alla cerimonia hanno preso parte, oltre al Country Representative Undp, l’ambasciatore olandese e l’ambasciatore spagnolo. Scopo dell’intervento, che vede quale diretto beneficiario il ministero dell’Energia e dell’Acqua, è quello di effettuare un aggiornamento della mappa idrogeologica del Libano con le specificità locali e regionali, analizzare le qualità delle acque in determinati punti chiave ed individuare potenziali zone a rischio delle falde acquifere sotterranee. Si tratta di un progetto che interviene in un settore complesso quale quello della mappatura idrogeologica del Libano, in quanto primo aggiornamento nel suo genere, e al contempo importante insistendo su un bene essenziale come l’acqua.

Nello specifico l’iniziativa permetterà di tracciare la mappa idrogeologica del Libano con i particolari locali e regionali specifici, di fornire dettagli sulle caratteristiche idrogeologiche degli strati acquiferi attuali, di registrare e controllare i prelievi effettuati con pozzi (di varie profondità, nei vari strati acquiferi del Paese) e di analizzare le variazioni della qualità dell’acqua negli acquiferi chiave del Libano. Le attività previste nell’iniziativa sono particolarmente attuali in quanto strettamente connesse all’impatto del cambiamento climatico.

Il progetto, infine, non solo fornirà una base dei dati aggiornati, la cui consultazione (secondo quanto richiesto dalla Cooperazione Italiana) dovrebbe essere a completa disposizione dei vari potenziali utenti, ma consentirà l’introduzione e l’utilizzo delle più moderne tecnologie per il rilevamento dei dati relativi all’acqua sotterranea e per la loro elaborazione ed analisi. Nel suo intervento, l’ambasciatore Morabito ha ricordato l’importanza dell’iniziativa che ”conferma il forte impegno italiano nel settore dell’acqua, sia per quanto riguarda gli interventi a carattere infrastrutturale che per quelli di analisi ed elaborazione dati”.

Approfondimenti: la Cooperazione italiana in Libano.

 

 

Fonte: CooperazioneAlloSviluppo.Esteri.it