Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Con l’aiuto dei suoi cittadini la città israeliana di Rosh Ha’ Ayin ha realizzato un modello di città musicale al fine di incoraggiare l’integrazione e colmare le differenze sociali, etniche e nazionali. Il progetto “città musicale” lanciato nel 2005 intende introdurre la musica nella vita quotidiana dei suoi abitanti e delle comunità della città.


Il progetto, che ha messo in opera con successo programmi musicali in seno al sistema di insegnamento locale e del programma culturale della comunità, è ormai stato integrato a tutti i livelli di insegnamento, garantendo un insegnamento musicale di qualità e favorendo il dialogo, l’autodisciplina e lo spirito di squadra.

La città ha inoltre messo in opera infrastrutture che permettono di facilitare lo sviluppo di istituzioni musicali. L’insegnamento della musica e della cultura è accessibile a tutti i residenti indipendentemente dal loro stato sociale o economico e comporta misure per le persone con esigenze particolari e portatori di handicap. Nel corso dei suoi sei anni di esistenza la “città musicale” ha contribuito a ridurre visibilmente la violenza, il crimine ed il vandalismo urbano.

 

 

Fonte: EuropaRegioni.it