Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

La scorsa settimana a Bruxelles si è svolta la convention europea dell’Iclei, l’associazione mondiale degli enti locali per lo sviluppo sostenibile. Alla cerimonia di apertura ha partecipato anche la presidente del Comitato delle regioni Ue, Mercedes Bresso, che ha sottolineato il ruolo fondamentale delle amministrazioni locali nella realizzazione della Strategia Europa 2020.


Solo il pieno coinvolgimento degli enti territoriali può dare concretezza agli impegni assunti dall’Ue in tema di sviluppo sostenibile e alla promozione dal basso di un nuovo modello di crescita per l’Unione. Secondo la Bresso, i Patti territoriali e il Patto dei sindaci rappresentano un punto di riferimento per le autorità locali e regionali decise a collaborare per la crescita e a promuovere un’economia "verde" a livello europeo.

Negli ultimi mesi, il Cdr ha chiesto più volte di concentrare sulla Strategia Europa 2020 risorse finanziarie e azioni, da realizzare anche attraverso il rafforzamento dei partenariati multilivello, come appunto i Patti territoriali. Nel suo intervento, la presidente Bresso ha analizzato gli ultimi sviluppi della crisi in corso sottolineando che "per essere sostenibili, le riforme fiscali non devono limitarsi a correggere gli squilibri dei nostri conti pubblici nell’immediato, bensì incorporare un’idea di sviluppo innovativa capace di guardare con coraggio e lucidità anche ai passi da compiere nel medio termine".

Secondo la Bresso, serve una strategia di sviluppo a lungo termine scandita da obiettivi intermedi chiari e condivisi che consentano, in particolare, il raggiungimento della soglia 20-20-20 nel 2020. In conclusione, la Presidente Bresso ha lanciato la proposta di coinvolgere attivamente città e regioni nei negoziati sul clima, come su quelli per Rio+20, riconoscendo il loro ruolo cruciale per lo sviluppo sostenibile, per la promozione della green economy e per la lotta alla povertà.