Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Sul palco del Teatro Nazionale Palestinese a Gerusalemme 35 studenti della scuola estiva di teatro e arti multimediali hanno portato in scena una performance in cui si intrecciano recitazione e tecniche multimediali. L’iniziativa si svolge nell’ambito del TAM2, progetto finanziato dalla Cooperazione Italiana con un contributo di 396mila euro, incentrato sul teatro e le arti multimediali, considerati al tempo stesso veicoli di pace ed efficaci strumenti per la formazione dei giovani palestinesi in campo artistico e per il loro inserimento sociale e lavorativo.


La performance, arriva a conclusione di un intenso percorso formativo di tre mesi incentrato su teatro e multimedialità. La prima componente ha previsto moduli di recitazione, drammaturgia, elementi di coreografia e danza. La sessione dedicata alle arti multimediali, importante novità rispetto alla precedente edizione del Progetto TAM, ha invece formato i giovani allievi in montaggio audio e video, fotografia, scenografia e graphic design.

Il bagaglio di competenze e conoscenza acquisite durante la scuola ha trovato spazio ed espressione durante il saggio finale, in cui allo spettacolo teatrale si sono affiancate le scenografie interattive e multimediali create dagli studenti e dei brevi video realizzati dai ragazzi per raccontare il loro percorso di crescita durante la scuola.

Lo spettacolo, che ha visto la partecipazione di un pubblico numeroso, si è svolto alla presenza del Console Generale d’Italia a Gerusalemme, Luciano Pezzotti, che ha colto l’occasione per sottolineare l’importanza del Progetto TAM2, per la sua capacità di investire sullo sviluppo umano, sui giovani, offrendo loro significative opportunità di crescita, personale, artistica e lavorativa.