Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Il Consiglio dei Comuni e delle Regioni d'Europa (Ccre) chiede alla Commissione europea di rafforzare il programma “L'Europa per i cittadini 2014-2020”, con un budget simbolico di un euro a persona, per un totale di 495 milioni di euro. L’appello è stato inserito nella dichiarazione finale adottata in occasione del Congresso europeo sulla cittadinanza e i gemellaggi, che si è svolto la scorsa settimana a Rybnik, in Polonia.


L’aumento dei fondi, che attualmente ammontano a 215 milioni di euro, consentirebbe di sostenere i gemellaggi, che oggi sono 40mila in tutta Europa, e di estendere le possibilità di partenariato ai paesi ad est e a sud del continente. Il Consiglio, inoltre, auspica la creazione di una "Accademia europea per la governance locale e regionale" entro il 2012. Infine, Comuni e Regioni d’Europa chiedono l'istituzione di un osservatorio per l'attuazione della Carta europea per l'uguaglianza delle donne e degli uomini nella vita locale, che dal 2006 ad oggi ha raccolto più di mille firmatari.