Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

La Presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, è stata eletta a Bruxelles primo vice presidente del gruppo del PSE (Partito socialista europeo) del Comitato delle Regioni d'Europa. Alla Marini è stata affidata la responsabilità di seguire le politiche di coesione, per le quali è anche relatrice di un parere che il Comitato delle Regioni deve rendere alla Commissione ed al Parlamento europeo proprio sulle questioni relative alle nuove politiche di coesione in ambito europeo.


Da subito partirà il lavoro per la redazione del ''parere' affidatole dal Comitato delle regioni relativo alla nuova stagione dei fondi comunitari: ''Le Regioni e gli enti locali europei - ha dichiarato Marini – sono seriamente allarmati dalla proposta della Commissione di prendere in ostaggio i fondi strutturali nei Paesi Membri che non rispettano gli impegni sul risanamento del debito.

La crisi attuale ha effetti devastanti nelle nostre regioni e città. Immaginiamo cosa significherebbe privarle anche dei fondi europei, unica risorsa rimasta per sostenere lo sviluppo. Inoltre, il congelamento dei fondi finirebbe per peggiorare situazioni delicatissime, punendo le amministrazioni regionali e locali per errori compiuti dai governi centrali''.