Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

I Presidenti di Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia e Sicilia hanno deciso di chiedere “un incontro urgente” con il Ministro per i rapporti con le regioni e la coesione, Raffaele Fitto, per avere elementi di ''chiarezza'' sugli indirizzi del governo sui programmi comunitari in merito al destino dei fondi europei destinati al sud.

“Il riferimento alla revisione strategica dei programmi comunitari contenuto nell'elenco degli impegni assunti dal governo nazionale nei confronti dell'Europa - hanno detto Gianni Chiodi, Vito De Filippo, Giuseppe Scopelliti, Stefano Caldoro, Michele Iorio, Nichi Vendola e Raffaele Lombardo – desta preoccupazione e solleva gravi dubbi circa il rischio di compressione indebita delle prerogative istituzionali dei diversi livelli di governo e di riduzione delle  risorse complessivamente disponibili per le politiche di coesione''.

L'ufficio stampa della giunta regionale della Basilicata ha ricordato che “già nei giorni scorsi i Presidenti delle Regioni del Sud avevano preso posizione in maniera unanime sulla vicenda auspicando una scelta di condivisione. Per questi motivi le regioni chiedono urgentemente al ministro per i rapporti con le regioni un incontro perché siano illustrati con chiarezza gli indirizzi del governo e siano questi condivisi preliminarmente all'adozione di qualsiasi decisione in merito a programmi la cui responsabilità di gestione ricade nelle competenze regionali”.