Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Il ministro per i Rapporti con le Regioni, Raffaele Fitto, assieme al commissario europeo per le politiche regionali, Johannes Hahn, ha presentato a Roma l’accordo fra Governo, Regioni del sud e Commissione europea sulla revisione dei programmi cofinanziati dai fondi strutturali europei 2007-2013. Si prevede in particolare la concentrazione delle risorse negli ambiti di intervento individuati come prioritari per il perseguimento degli obiettivi di Europa 2020: istruzione, banda larga, occupazione e trasporti.


Il cosiddetto Piano di azione coesione (chiamato anche Eurosud) “si inserisce nell’ambito del percorso di accelerazione avviato, d’intesa con le regioni e la Commissione europea, con la delibera Cipe n.1/2011 con la quale sono stati fissati precisi target di impegno e spesa certificata alle date, rispettivamente, del 31 maggio e 31 dicembre 2011, e del 31 ottobre 2011”. “Se la crisi ha bisogno di risposte concrete, le politiche di coesione modificate possono dare un contributo notevole – ha affermato il ministro Raffaele Fitto - Dal 2006 lo scenario economico è notevolmente cambiato; per questo abbiamo messo in campo un lavoro che punta in modo concreto ad utilizzare in modo differente, su obiettivi precisi, queste risorse”.

“Ho già concordato con il ministro Fitto - ha annunciato il commissario Johannes Hahn - che nei prossimi giorni verrà stilato un programma che indicherà con precisione quali sono le cifre che potranno essere dedicate alle nuove priorità. Questa cooperazione è l'unico modo di procedere per affrontare la situazione in maniera positiva”. L’accordo definisce inoltre la costituzione di un apposito Gruppo di azione, di natura tecnica, che avrà il compito di definire e attuare la revisione dei programmi, individuare le modalità attuative e monitorare l’avanzamento.

Approfondimenti: Accordo “Piano Nazionale per il Sud: Sud 2020” e “Fondi UE: accordo Governo-Regioni Sud, i commenti dei Presidenti”.