Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Il Ministro degli Esteri Giulio Terzi ha avuto nei giorni scorsi alla Farnesina un lungo e cordiale colloquio con il Ministro degli Esteri armeno Edward Nalbandian. Confermato il reciproco sostegno all’approfondimento delle relazioni bilaterali in campo politico ed economico, anche alla luce dell’incremento dell’interscambio commerciale registrato nell’ultimo anno.


Il Ministro Terzi ha sottolineato come per l’Italia il dialogo politico con Jerevan debba inquadrarsi anche nell’ottica del progressivo avvicinamento dell’Armenia all’Unione Europea; a tale proposito il titolare della Farnesina ha assicurato il sostegno italiano per giungere ad un Accordo di associazione con l’Unione Europea.
Nel corso dell’incontro i due ministri hanno inoltre affrontato i principali temi regionali concernenti il Caucaso ed i rapporti con l’Iran. Quanto al primo tema il Ministro Terzi ha espresso il sostegno dell’Italia ai lavori del Gruppo di Minsk per la continuazione del negoziato con l’Azerbaijan in ambito OSCE.

Terzi e Nalbandian hanno infine sottolineato l’importanza delle relazioni culturali tra Roma e Jerevan, particolarmente intensi in questo periodo. Il Presidente armeno Sargsyan, infatti, ha inaugurato a Venezia la mostra “Impressioni d’Armenia”, nella ricorrenza dei 500 anni dalla pubblicazione del primo libro in lingua armena nel capoluogo veneto. Inoltre il 2012 è stato dichiarato Anno del libro armeno in Italia.