Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Sono complessivamente 129 le nuove iniziative in programma per il 2012, senza tralasciare il proseguimento di quelle già adottate o in preparazione. La priorità assoluta andrà alla rapida attuazione di un pacchetto di proposte per ripristinare la fiducia nell'economia europea, unitamente a nuove misure per contrastare le attuali prospettive economiche negative.


Riforma del settore finanziario
Con le norme già proposte in materia di prodotti derivati, agenzie di rating del credito, requisiti in materia di capitali e abusi di mercato, nel 2012 la Commissione si dedicherà a completare le riforme. Sarà inoltre pubblicata una valutazione di impatto delle misure adottate. Sono previsti nuovi provvedimenti per rafforzare la fiducia degli investitori: porre fine ai paradisi fiscali, modernizzare il sistema dell'IVA per lottare contro le frodi e ridurre gli oneri burocratici per le piccole imprese. Per salvaguardare il denaro dei contribuenti, sarà presentata anche una proposta per combattere le frodi sui finanziamenti dell'UE.

Promuovere la crescita e la creazione di posti di lavoro
Per favorire la crescita e la creazione di posti di lavoro in Europa, è necessario riservare un'attenzione particolare alle 12 proposte fondamentali dell'atto per il mercato unico, elaborate per aiutare i paesi membri a superare gli attuali problemi economici e sociali e agevolare la ripresa dalla crisi finanziaria globale.
Saranno predisposti programmi per agevolare la mobilità in Europa dei giovani in cerca di lavoro e il servizio europeo dell'occupazione sarà riformato per migliorare l'accesso ai posti di lavoro all'estero. Grazie a nuove regole sarà inoltre più semplice trasferire i contributi pensionistici quando si cambia lavoro.

L'UE nel mondo
L'attenzione sarà rivolta al nuovo approccio dell'UE alle relazioni con i paesi vicini. L'obiettivo è promuovere lo sviluppo pacifico e prospero nell'Europa orientale e nell'Africa settentrionale. I problemi affrontati in Nord Africa quest'anno hanno posto in evidenza la necessità di un approccio comune all'asilo e ai controlli alle frontiere. Sarà presentata una nuova strategia per impedire la tratta di esseri umani, oltre a progetti per modernizzare i controlli alle frontiere. Si valuterà inoltre la possibilità di concludere un accordo di libero scambio con il Giappone e un accordo d'investimento con la Cina. Continueranno i lavori sull'allargamento dell'UE, a cominciare dalle preparazioni per dare il benvenuto alla Croazia, il 28° Stato membro.

Approfondimenti: il Programma di lavoro della Commissione per il 2012.