Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Il 67% dei croati ha detto “sì” all’Europa. Con il referendum popolare che chiedeva ai cittadini croati di scegliere tra il sì e il no per l'adesione del loro paese all'Unione europea, si sono conclusi positivamente sei anni difficili di negoziati tra la Croazia e l’Europa. Se le 27 nazioni della UE faranno la stessa scelta, la Croazia diventerà Stato membro dell'UE il 28 luglio 2013.


I negoziati per l’adesione iniziarono nel 2005, dopo che il governo di Ivo Sanader consegnò alcuni criminali di guerra ricercati dal Tribunale penale internazionale dell'Aia. Il primo aprile 2009, come primo passo verso la reintegrazione nella famiglia europea, entrò a far parte della Nato. Però l’ adesione, approvata dal Consiglio europeo del 9 dicembre, deve ancora essere approvata, senza eccezione, dai 27 Stati membri dell'UE.