Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

"Con 400 aziende italiane o italo-albanesi attive in Albania, l'Italia è il primo investitore straniero per numero di operatori e il secondo per valore degli investimenti". Lo ha detto il Ministro degli Esteri Giulio Terzi intervenendo al convegno "Albania in Europa, nuove opportunità di cooperazione economica e industriale per le imprese italiane", che si è svolto a Roma nell’ambito della visita del Primo Ministro della Repubblica d'Albania, Sali Berisha, ricevuto al Quirinale dal Presidente Giorgio Napolitano.


"La collaborazione economica - ha aggiunto Terzi - si è avvantaggiata anche della maggiore mobilità di persone tra Albania e Unione Europea garantita dalla liberalizzazione dei visti, entrata in vigore nel dicembre 2010". Il Ministro ha quindi ricordato che "il Governo italiano ha piena fiducia nel futuro dell'Albania e intende continuare a sostenerla nel suo cammino di modernizzazione economica e sociale". Non a caso, "negli ultimi vent'anni, la nostra cooperazione ha destinato all'Albania un contributo di aiuti allo sviluppo, tra doni e crediti, per oltre 540 milioni di euro. Il Memorandum firmato nel 2010 stabilisce un ulteriore contributo di 51 milioni di euro in doni e crediti e un accordo di conversione del debito. Questo è il primo accordo del genere siglato dall'Albania con un Paese donatore".