Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

In occasione dei primi 5 anni di attività dell'ERC - European Research Council (Consiglio Europeo della Ricerca) – organizzazione creata nel 2007 dall'Unione Europea per sostenere e finanziare progetti di ricerca in base al criterio dell'eccellenza scientifica – si è tenuto a Roma un incontro a cui hanno partecipato i vincitori di progetti ERC di nazionalità italiana o che stanno realizzando il loro progetto presso un'istituzione italiana.


I ricercatori italiani che hanno vinto il grant di ERC sono 255, di cui 107 però non lavorano nel nostro Paese. Inoltre, 16 ricercatori di nazionalità non italiana svolgono il loro progetto in un'istituzione italiana: in totale sono dunque 164 i ricercatori ERC operanti in Italia. "L'Italia deve puntare ad essere più internazionale per poter attrarre ricercatori stranieri. L'Italia, ma anche gli altri paesi che cercano di attrarre scienziati esterni, deve puntare sulle sue strutture grandi e aprire le porte delle grandi università ai borsisti stranieri", ha dichiarato Helga Nowotny, Presidente dell'ERC.

Le borse dell'ERC sono aperte a ricercatori di ogni disciplina, comprese le scienze umanistiche, e di ogni nazionalità: sia gli europei che desiderano restare o tornare in Europa, sia i non europei, attratti nel nostro continente dal marchio di eccellenza e dai sostanziosi fondi disponibili. Le selezioni sono basate sul criterio dell'eccellenza scientifica del candidato e del progetto, senza priorità tematiche o quote nazionali.

Ogni anno, l'ERC eroga borse di ricerca a giovani ricercatori nella fase iniziale della loro carriera ("ERC Starting Grants") o a scienziati già affermati e riconosciuti nel loro settore ("ERC Advanced Grants"). Il Consiglio si è rapidamente affermato come un esempio di successo per la ricerca europea: i vincitori delle sue rigorose selezioni (circa 2700 a tutt'oggi, su oltre 25mila domande) costituiscono un'avanguardia di eccellenza scientifica, sia a livello di talenti emergenti che di scienziati affermati.

Approfondimenti