Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Con un export di 437 milioni di dollari e una quota del 7%, l'Italia si è confermata nel primo trimestre del 2012 come primo esportarore verso il Libano tra i Paesi Ue e il secondo a livello mondiale dopo gli Usa. E' quanto si rileva dai dati statistici delle dogane di Beirut, riportati dal bollettino economico dell'ambasciata italiana.


Nello stesso periodo gli Stati Uniti hanno esportato per 1.223 milioni di dollari, con una quota del 20%. L'Italia è stata seguita dalla Francia (407 milioni di dollari), Cina (383 milioni) e Germania (264 milioni). L'export italiano è stato costituito per il 51% da prodotti petroliferi raffinati, per il 10% da macchinari, per il 7% da prodotti chimici, per il 6% da tessile/abbigliamento, per il 5% da metalli di base e prodotti in metallo.