Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

L'immersione di blocchi di cemento sui fondali di Talamone (Toscana) per impedire che in quel tratto di costa la pesca a strascico provochi un eccessivo sfruttamento delle risorse ittiche. È la storia coraggiosa di un pescatore del luogo che è riuscito a realizzare un progetto innovativo, raccontata nel primo episodio di 'Joussour', il nuovo progetto euro-mediterraneo di cooperazione transfrontaliera cofinanziato dall'Unione europea e presentato a Roma dalla Conferenza Permanente dell'Audiovisivo Mediterraneo.


Il progetto, prevede la realizzazione di 12 documentari per la televisione e Internet dedicati alle sfide ambientali nel Mediterraneo. A girare all'Argentario il primo episodio, la Rai, che è partner dell'iniziativa insieme a COPEAM (capofila), ad ASBU (Unione delle Radiotelevisioni degli Stati Arabi), alla TV pubblica maltese PBS e all'UER (Unione Europea di Radiotelevisione) come associato. Ad arricchire l'iniziativa, alcuni artisti hanno modellato alcune sculture di marmo che costituiranno l'attrazione di un museo sottomarino: ''un esempio originale di arte dissuasiva delle pratiche illegali dannose per l'ambiente''.