Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Su invito del Presidente dell’Euroregione Adriatica, Michele Iorio, si è tenuto a fine luglio a Termoli il primo incontro dei quattro Network Istituzionali (delle Regioni-Euroregione Adriatica; Forum delle Camere di Commercio dell’Adriatico e dello Ionio; Forum delle Città dell’Adriatico e dello Ionio, Forum delle Università-Uniadrion) operanti sul bacino adriatico con l’obiettivo della promozione di uno sviluppo sostenibile di carattere istituzionale, economico, culturale e sociale.


“Abbiamo voluto questo incontro -ha detto il Presidente Iorio - perché crediamo opportuno che i nostri rispettivi Network si confrontino e approfondiscano, attraverso contenuti chiari e condivisi, progetti e attività che possano essere a base della Macroregione Adriatica che dovrebbe vedere, nel prossimo mese di novembre, l’avvio ufficiale attraverso la delega del Consiglio Europeo alla Commissione per fissare i punti su cui sviluppare l’azione”. I vari esponenti intervenuti dei Forum delle Camere di Commercio, delle Città e delle Università, apprezzando l’iniziativa di raccordo dell’Euroregione, hanno condiviso l’opportunità di mettere in comune, confrontandosi, programmazioni che possano attivare progettualità strategiche sul campo della sicurezza, del controllo ambientale, della pesca, del turismo, dei trasporti, della ricerca scientifica e più in generale della cultura. Il tutto in una logica che possa vedere a breve la Macroregione attivare un nuovo progetto e una nuova visione di programmazione politica, economica e commerciale che interessi un’area fondamentalmente omogenea anche se con singole e forti identità locali come quella del bacino adriatico.

Identità che vanno salvaguardate, rafforzate ed inquadrate in un contesto più ampio quale quello Adriatico-Ionico, che, esaltandole, può mettere sintesi, tra economie, istituzioni e strutture scientifico-culturali. “Si può dire - ha detto in conclusione Iorio - che abbiamo raggiunto sicuramente due obiettivi: fare il punto sul lavoro fatto da ciascuno di noi fino ad oggi; mettere a punto un percorso comune che porti ad un documento condiviso sullo sviluppo di quest’area da inviare all’Unione Europea e ai rispettivi Governi”.

Su proposta del Presidente Iorio infatti si è deciso di delineare una strada che veda ciascuno dei Network operare, attraverso le rispettive commissioni, per giungere in autunno o all’inizio dell’inverno a realizzare una progettualità comune e condivisa da offrire all’attenzione dei vari organi dell’Unione Europea e degli Stati che affacciano sull’Adriatico e di cui fanno parte i vari componenti dei quattro Network.

Presenti all’incontro, oltre al Sindaco di Termoli, Antonio Basso Di Brino, che ha dato il benvenuto ai partecipanti, il Presidente del Consiglio Comunale, Alberto Montano, il Magnifico Rettore, Giovanni Cannata, i due Presidenti delle Camere di Commercio di Campobasso ed Isernia, De Angelis e Brasiello, il Direttore Generale della Regione Molise, Antonio Francioni e il segretario dell’Euroregione Adriatica, Francesco Cocco.