Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

La Commissione europea ha pubblicato una relazione sui possibili sviluppi della REM, la rete europea sulle migrazioni costituitasi formalmente quattro anni fa e ormai saldamente affermata nel panorama europeo. La REM fornisce indicazioni aggiornate, affidabili e comparabili in tema di migrazione e asilo, sostenendo le politiche nell'Unione europea in questi settori. Non solo, la rete serve anche a fornire informazioni in materia ai cittadini.


Quattro anni dopo la sua costituzione formale, la relazione appena pubblicata fa il punto dei progressi compiuti fino ad ora e, in vista del prossimo quadro finanziario pluriennale dopo il 2013, considera come la rete dovrebbe evolvere. Secondo quanto riportato, la rete europea ha ampiamente dimostrato la sua validità nel sostenere tali politiche attraverso le sue molteplici attività, che vanno dal contribuire alla relazione annuale sull'immigrazione e l'asilo, alla realizzazione di studi tematici basati sui temi quali la migrazione economica e il ricongiungimento familiare, al raccogliere rapidamente dai responsabili politici informazioni sui temi di specifica necessità a breve termine, allo sviluppo di un glossario multilingue sul diritto comunitario, ecc.

Per assicurare che la REM continui a soddisfare le esigenze e le aspettative dei politici in particolare, ma anche del pubblico più ampio, il rapporto individua anche possibili sviluppi futuri. Per esempio, potrebbero essere migliorati i rapporti con le agenzie dell'UE, come Frontex e l'Ufficio europeo di sostegno per l'asilo (EASO).

Approfondimenti