Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Quindici giovani provenienti da Tunisia, Libia ed Egitto saranno protagonisti, il 21 e il 22 settembre ad Alghero e Sassari, del 1° Forum internazionale della pace. ''Sardegna, l'isola verso il Sud: nuove rotte di pace, sviluppo nel Mediterraneo'', è il nome del progetto nato della collaborazione tra Rondine cittadella della pace, la Provincia di Sassari e la Camera di commercio del nord Sardegna.


Il Forum è realizzato all'interno del progetto ''Una nuova classe dirigente per la sponda Sud del Mediterraneo'', che ha l'ambizione di creare la nuova classe dirigente dei paesi del Maghreb facendo convivere giovani che provengono da zone di conflitto. I protagonisti saranno i ragazzi che stanno realizzando un percorso formativo di sei mesi parallelo e integrato a quello dello studentato internazionale della cittadella della pace di Rondine, un borgo medievale in provincia di Arezzo in cui dal 1997 si alternano nella convivenza dai 25 ai 30 giovani di culture diverse che sperimentano una vita di convivenza, di formazione e di studio universitario. Gli studenti, una volta completato il percorso in Toscana, rientrano nei Paesi di origine dove, con l'esperienza acquisita in Italia, potranno occupare posizioni di rilievo nella società da cui provengono.

Il Forum si aprirà il 21 settembre al porto di Alghero con la manifestazione ''ImPorto la pace'' e proseguirà il 22 a Sassari con incontri che toccheranno temi come la politica, cultura, economia e sviluppo.