Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

La Banca europea d'investimenti (Bei) ha deciso di fornire un prestito di 100 milioni di euro alla Banca per la ricostruzione e lo sviluppo croata (HBOR) per finanziare progetti di piccole e medie imprese ed enti locali in Croazia. ''La Bei - ha affermato Werner Hoyer, presidente dell'istituto finanziario europeo - sostiene progetti in Croazia per aiutare il Paese a rispettare i criteri dell'adesione all'Ue e ad integrarsi rapidamente nell'Unione''.


I finanziamenti andranno alle Pmi nei settori di industria e servizi, incluso il turismo, ma anche alle infrastrutture degli enti locali, progetti ad alto contenuto tecnologico e aree di intervento prioritarie come energia, tutela dell'ambiente, salute e istruzione. ''Sono oltre 1.200 i progetti finanziati - spiega Anton Kovacev, presidente della Banca per la ricostruzione e lo sviluppo croata - grazie ai nostri prestiti, che hanno portato alla creazione di migliaia di posti di lavoro, oltre ad aver mantenuto l'occupazione già esistente''.